muta da triathlon

All'inizio, senza un po' di pratica e qualche accortezza, indossare la muta da triathlon può risultare complesso. Le mute sono aderenti e non scorrono facilmente sulla pelle e purtroppo non è raro rovinarle durante le prime vestizioni provocando dei piccoli tagli. Per fare meno fatica e evitare possibili danni bastano un po' di tecnica e qualche semplice trucco.

Partite ovviamente dai piedi. Trovate un buon posto per sedervi e infilate un piede nella muta. Non forzate ancora  e assicuratevi che la cerniera sia sul retro. Afferrate quindi la muta su entrambi i lati della gamba dalla parte interna (non quella liscia!), puntate le dita dei e quindi spingete il piede attraverso l’apertura della caviglia. Provate a fare questo in un solo movimento, in quanto mettete meno sotto stress le giunture della muta. Ripetere questa procedura con l'altro piede. Può aiutare in questa fase mettere un sacchetto di cellophane intorno alla caviglia per facilitare lo scorrimento o usare un olio tipo quelli da massaggio. L’importante è afferrare la muta dalla parte interna e fare attenzione a non piantare le unghie all’esterno.

Continuate con le gambe. Ora che avete i piedi nella muta, alzatevi e tirate su la muta fino alla vita. Procedete poco alla volta tirando sempre dal basso verso l'alto avendo cura di tirare sempre la muta afferrandola dalla parte interna. Ricordate che si tratta di una muta e non di un paio di jeans: non afferratela dai fianchi perché la rovinereste, ma partite sempre dal basso.
Le mute tendono ad attaccarsi su se stesse e sulla vostra pelle: separate delicatamente i punti che tendono ad appiccicarsi e che sono bloccati. Non forzare la muta tirandola in modo eccessivo e proseguite con molta gradualità.

Quindi le braccia. Il passo successivo è infilare la parte superiore del corpo. Con la muta tirata su fino ai fianchi dovreste essere in grado di infilare le braccia nelle maniche e tirare la muta sopra le vostre spalle. Tirando la muta sulle spalle questa tenderà ad aderire meglio intorno ai fianchi. Facendo oscillare le braccia, la muta si distribuirà in modo uniforme su tutto il corpo.

Infine la cerniera. Anche se è più facile avere qualcuno che vi aiuta a chiudere la lampo, è bene imparare a farlo da soli. Questo può richiedere una certa pratica, ma sarà valsa la pena per quando si è in una situazione in cui non c'è nessuno ad aiutarvi. Per rendere lo scorrimento della cerniera più agevole, ruotate le scapole e portate le braccia dietro la testa e quindi tirate il cordino delicatamente con entrambe le mani. Suggerimento: tirate un poco la cerniera prima di mettere la muta in modo da non dover armeggiare con essa dietro la schiena.

Un’ultimo avvertimento: è più semplice calzare le gambe della muta da seduti, tuttavia può essere difficile trovare un buon posto per sedersi. Le pietre, il cemento, la ghiaia e le rocce sono i peggiori nemici della muta e spesso e volentieri le mute vengono rovinate sulla spiaggia proprio per questo motivo.